RIVOTU


RIVOTU
Canti di terra, di cielo, di vita e di morte

 The earth has been revolting since the dawn of time, what lies beneath sooner or later comes to light and what lives in the daylight, one day or another will be root. We live in a constantly changing world, where nothing, really, is ever destroyed: it's an eternal transformation that those who live in deep contact with nature know well. Everything always comes back in a different guise but never the same, though of the same substance, in the eternal cycle of the most minimal elements that make up life and that are born from the stars and inevitably return to the stars.

In popular oral traditions, this has always been told: it is an ancient and intimate knowledge that comes from the observation of nature. The melodies are simple, to impress them in the collective memory, to let the music go through the times and bodies in the voluptuous cycle of life and death.


 La terra si rivolta dall'alba dei tempi, ciò che sotto riposa prima o poi viene alla luce e ciò che alla luce vive, un giorno o l'altro sarà radice. Abitiamo un mondo in cui tutto muta e nulla, realmente, è mai distrutto, è un opera continua di trasformazione che chi lavora nei campi o vive a profondo contatto con la natura conosce bene: tutto sempre torna sotto diverse spoglie, mai uguale eppure sempre della stessa sostanza, nel ciclo eterno degli elementi più infinitesimali che costituiscono la vita e che dalle stelle nascono e alle stelle, inevitabilmente, torneranno.

Nei canti e nelle tradizioni orali del popolo questo lo si narra da sempre, è una conoscenza antica e profonda che nasce dalla terra e dall'osservazione della natura. Le melodie sono semplici, per imprimerle nella memoria collettiva, per lasciare che la musica attraversi i tempi e i corpi nel ciclo voluttuoso della vita e della morte.
RIVOTU